Un nuovo blog di ricette (eh già!).

Si parte. Un blog da troppo tempo rimasto in sospeso tra pensieri e fogli di carta volanti, cercato e desiderato ma sempre “sottomesso” agli impegni e alle priorità. Ora, complici le spinte dietro la schiena di alcuni amici, eccomi qui con il primo post del mio blog di cucina (devo ripetermelo altrimenti rischio di non crederci!). Per chi sta già borbottando “Eccone un altro”, sì, ancora un blog, ancora un contenitore di ricette, amatoriale e lontano dalla nouvelle cousine, decisamente molto più casereccio. Ma d’altronde è proprio così che mi sento (chi mi conosce sa che sono solita definirmi rustica) e la passione per il cibo (in tutte le sue declinazioni: da cucinare, “allestire” e mangiare) doveva necessariamente sfociare in qualcosa di simile.

Da dove cominciare dunque? Sono diverse le ricette che considero cavalli di battaglia, quelle da ripresentare puntualmente (monotono ma efficace) a ogni incontro con gli amici, quelle che ti vengono richieste, quelle per cui “passare la ricetta” è sì motivo di orgoglio ma anche fonte di leggera gelosia. Molte delle mie preferite rimandano indietro nel tempo, i loro sapori, i profumi, l’aspetto sanno di famiglia, fanno viaggiare a ritroso e tornare alla mente l’immagine sbiadita di bei momenti.

Pollo con le mandorle "alla Valerio"

Pollo con le mandorle “alla Valerio”

La prima ricetta di Indechiccen risale dunque a (solo) un decennio fa: i tempi in cui si mangiava tutti insieme a casa di un gruppo di amici, in cui le coppie cominciavano a delinearsi, in cui “si va dai ragazzi, cucina Valerio il suo pollo alle mandorle!”. Un piatto semplice e veloce da preparare ma che, condito con risate e qualche antipasto sfizioso, contribuiva a rendere perfetta ogni serata. Dopo tanti anni, dopo che molte di quelle amicizie si sono perse e altre si sono trasformate in qualcosa di diverso, questa ricetta mi è tornata improvvisa alla mente guardando alcune mandorle sfuggite ai biscotti-coccola del weekend. E’ bastato questo per ricordarsi di quei tempi, decisamente più spensierati per certi versi e che oggi sembrano far già parte di un’altra vita: in ogni caso, da quando ho “ritrovato” questo piatto, l’ho riproposto spessissimo sulla mia tavola!

Si parte con la prima ricetta quindi? Wow! Daidaidai, che pollo alle mandorle sia!!!

Mettete il pollo tagliato a pezzetti in una padella con olio caldo e cominciate la cottura mentre il fido robot da cucina penserà a tritare finemente le mandorle. A metà cottura, spremete il succo del limone sulla carne. Pochi minuti prima di spegnere versate panna, latte, paprika (non obbligatoria ma… ci sta davvero bene!) e il sale; cospargere il tutto con le mandorle tritate e mescolare bene lasciando cuocere ancora qualche minuto. Se vi sembra necessario aggiungete un po’ di latte: in sostanza si deve creare una cremina e il pollo deve rimanere morbido e “intingolato”!

Per me – a prescindere dai ricordi e da quello che riporta alla mente – è veramente buonissimo!

Alla prossima ricetta… ovviamente Indechiccen! ;)

Inde

Ps: Non ho indicato le quantità precise (eh lo so, cominciamo bene!) ma credo – diversamente da quanto mi succede solitamente – che questa ricetta sia abbastanza facile da dosare ad occhio!

EmailFacebook0Google+0LinkedIn0Pinterest0Twitter0

INGREDIENTI:

  • Petto Di Pollo
  • Mandorle
  • Limone
  • Panna Da Cucina
  • Paprika
  • 1 Bicchiere Di Latte
  • Olio
  • Sale