Be(e) Happy Fest: le Api Piaggio dello street food e dell’urban style si riuniscono a Roma

Lo street food è una mia passione mai nascosta. Così, quando ho letto che a Officine Farneto – dove qualche anno fa ho partecipato a un corso di cucina – si sarebbe svolta la Be(e) Happy Fest  (che ha chiamato a raccolta le adorabili Api Piaggio che invadono le città con i loro colori e sapori) mi sono detta “Non posso mancare!”. Questa location romana mi è piaciuta dal primo istante che l’ho vista; aggiungiamoci le protagoniste dell’evento, i menù su 3 ruote e l’organizzazione di un laboratorio per bambini e… via qualsiasi dubbio legato al brutto tempo: si va!

Bee Happy Fest

Oggi e domani (7 e 8 febbraio) le Apette (non solo quelle dello street food ma anche quelle stilose che vendono accessori e abiti) si riuniscono a Roma per sfoggiare le loro mise divertenti, accattivanti e ammaliatrici. Trascinati da profumi, colori, sapori, musica e dalle lavagne con i menù tentatori si possono assaporare le tigelle di Mozao, gli sfizi di Ape Fritto, le dolci proposte di Straw & Berry ascoltando i dj, fermandosi a prendere informazioni allo stand di Campagna Amica ma anche facendo del sano shopping tra i baby vestiti de Le mie ragazze o gli accessori di Jolecreo. Interessante il workshop proposto del BIC Lazio per spiegare come iniziare un’attività a bordo di un’Ape ma anche per chi non avesse mai accarezzato questa idea una passeggiata tra questi moderni (seppur 70enni) veicoli non potrà che divertire.

 

Preferite lo streetfood o lo shopping?

 

Al Be(e) Happy Fest ce n’è per tutti i gusti e resistere all’assaggio è una missione impossibile: non ce la farete di fronte alla patata a spirale dell’Ape Magna né passerete oltre di fronte alle proposte dell’Ape Pizza. Probabilmente vorrete terminare gli assaggi con i dolci di Straw&Berry che – forte del monopolio della parte dolce – avrà però presto terminato le scorte.

Straw&Berry

Straw&Berry

Potrete sopportare questo difficile momento solo ricominciando gli assaggi magari affondando i denti nei super panini di Diogene. Quale migliore consolazione può arrivare poi se non da Pizza e mortazza? Le sue proposte non hanno bisogno di presentazioni soprattutto per il pubblico romano per il quale questo abbinamento è un must. L’Ape più famosa dello street food per me rimane la Bruna di Mozao (anche se loro preferiscono accostare la loro attività all’espressione social food): ho scoperto le loro tigelle diversi mesi fa e me ne sono innamorata. D’altronde chi non ha un debole per i gusti dell’Emilia? (Ps per la cronaca: mio figlio non ha resistito al loro tortellino da passeggio nonostante fosse l’ora di merenda! Cuore di mamma, quante soddisfazioni mi dà!) ;)

Mozao

Mozao

La personalizzazione delle Api dedicate alla moda è impeccabile, divertente, retrò o elegante a seconda del carattere dei loro proprietari che rispecchiano in toto.

Urban Style al Be(e) Happy Fest

Urban Style al Be(e) Happy Fest

Lo stesso si può dire per quelle dedicate al food che, complici i menù in cui i nomi delle pietanze proposte sono scritti a mano in quanto variabili spesso di giorno in giorno, tentano in pausa pranzo chi si imbatte in questi simpatici veicoli. Tra le new entry conosciute al Be(e) Happy Fest segnalo la Burgheria che promette cibo e birra di qualità direttamente dalla Valdichiana mentre Frie’n’fuie non nasconde – nel nome come nelle proposte – la chiara origine partenopea. Ultimo solo nell’elenco Supplizio che regala cibo da strada che, nell’abbinamento acciughe, broccoletti e liquirizia, fa decisamente concorrenza alle proposte dei grandi chef “classici”.

A ognuno la sua Ape!

A ognuno la sua Ape!

Be(e) Happy Fest

L’atmosfera retrò delle Api a raccolta in questo festival dello street food e dell’urban style è piacevole da assaporare: chi serve il cibo ha baschi anni ’60, divise old style, è disponibile a fare due chiacchiere e a spiegare il dietro le quinte della propria attività, c’è addirittura chi si mette in posa per una fotografia fiero del suo lavoro, dello stile e delle proposte della sua Ape!

La Burgheria

La Burgheria

Be(e) Happy Fest è il modo più semplice e divertente per fare la loro conoscenza di questi mezzi e magari progettare un viaggio inseguendo l’Ape preferita in giro per l’Italia.

Menù Bee Happy Fest

Ps: Sbagliate se pensate che questo evento possa annoiare i bambini: oltre al pranzo e alla merenda potranno infatti dedicarsi a un laboratorio creato appositamente per loro in cui si avvicineranno alle api (stavolta nel senso di animali) attraverso le spiegazioni divertenti proposte da apicoltori professionisti dell’azienda agricola Mamma Lù. L’assaggio del nettare e una ciotolina di miele hanno accompagnato la conoscenza delle api regine e di quelle operaie. Le api (che siano con la a maiuscola o minuscola) conquistano tutta la famiglia!

EmailFacebook0Google+0LinkedIn0Pinterest0Twitter0